Privacy, mai sui social dal Pc che gestisce schede assistito Stampa
Giovedì 29 Gennaio 2015 14:21

Tratto da Doctor 33

 

Medici di famiglia sui social network? Mai con lo stesso pc contenente i dati dei pazienti. Molti "approdi" online sono malsicuri dal punto di vista dei virus. Chi li frequenta non sa che può perdere i dati dei suoi pazienti o nel peggiore dei casi renderli "spiabili", e in ogni caso un virus informatico può comportare giorni di ferma del pc per aggiustamenti e ricette fatte a mano con la Regione che mugugna. Per tutelare i medici, la Fimmg ha messo nel sito delle regole d'oro a partire dai suggerimenti dell'allegato B del codice del 2003.

Le prime due sono: mascherare sempre i dati dei pazienti con programmi specifici per gestire la cartella clinica (e non fai-da-te) ed inserire - accanto alla password per l'accesso al computer - una distinta password alfanumerica di almeno 8 caratteri, da cambiare ogni 3 mesi, per l'accesso al programma di gestione della cartella clinica. Terzo suggerimento: fare back up giornalieri dei dati e conservare le copie dei dati in luogo diverso da quello dove risiede il pc. "L'allegato b) dice che il backup va fatto almeno ogni settimana, obbliga a nominare gli incaricati del trattamento dati con lettere scritte, a rifare la password ogni tre mesi. Tutto ciò non basta", dice Paola Ferrari, avvocato esperto di privacy e fondatore del Pronto Soccorso legale Fimmg. " i virus possono annidarsi anche in file contenuti in altri documenti. Oggi tutti i sistemi permettono back-up automatici; ma bisognerà tenere le copie dei dati in altro luogo (es. casa, cloud ecc.) questo garantisce la sicurezza anche nel caso di furto in studio, allagamento e altre circostanze".

L'indicazione più interessante però riguarda i social network. Dario Grisillo responsabile Fimmg area organizzazione studio, sottolinea che "bisogna separare l'attività ludica o anche di aggiornamento professionale da quella lavorativa comportante la gestione delle schede assistito. Per la prima si possono usare smartphone e tablet, per la seconda non serve avere un accesso illimitato a internet, gli attuali gestionali se desidero un approfondimento mi consentono di andare a pescare nella letteratura con appositi "help". Questa separazione è tanto più consigliabile quanto più pericolosi possono risultare i siti a più alto rischio di spamming e tra questi i social network, i siti e-commerce e/o ludici oppure incursioni pubblicitarie sugli strumenti di lavoro o posta indesiderata. Occorre una formazione adeguata anche per i propri collaboratori, e far scrivere subito, nelle lettere d'incarico al trattamento dati degli assistiti, l'indicazione formale di una black list di siti: un virus si trasmette a tutta la rete e possono andar perse settimane di dati acquisiti".

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, il sito utilizza cookies, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all' uso dei cookie

EU Cookie Directive Module Information