Rifiuti pericolosi: esenzione dalla TARI Stampa
Mercoledì 24 Dicembre 2014 07:53

Riduzione della tassa sui rifiuti urbani Tari per le superfici dove si producono rifiuti pericolosi, inclusi gli studi dentistici e medici, produttori ad esempio di siringhe usate e non sterilizzate.

Lo conferma il Ministero dell'Economia con una nota che ribadisce la distinzione tra aree dove si producono rifiuti pericolosi e aree che producono rifiuti urbani: sottolinea che non sono tassabili dai comuni le aree "in cui si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori, a condizione che ne dimostrino l'avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente".

Il contribuente ha diritto allo sgravio Tari dove si effettua la produzione, lo stoccaggio, la raccolta e l'autonomo smaltimento di rifiuti speciali (di solito con aziende specializzate).

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, il sito utilizza cookies, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all' uso dei cookie

EU Cookie Directive Module Information